Formazione delle badanti a domicilio
Pubblicato il 26/9/2011

Il progetto pilota “Formazione in situazione: lavoro domestico e di cura in famiglia” vede assieme le Cooperative Lybra, La Quercia, Itaca e Codess Fvg Il 30 settembre 2011 alle ore 10.00 presso la sede delle Acli provinciali in via San Francesco 4/1 si terrà la presentazione ufficiale del corso “Formazione in situazione: lavoro domestico e di cura in famiglia” che prevede la formazione delle badanti direttamente al domicilio della persona assistita. La partenza delle lezioni è prevista per il 17 ottobre 2011, le iscrizioni sono aperte presso la segreteria front-office delle Acli in Via San Francesco 4/1, dal lunedì al venerdì 9.00/12.00 e martedì e giovedì 15.00/18.00. Il corso dà il via ad un innovativo progetto pilota che prevede la realizzazione di sette corsi per assistenti familiari straniere non provenienti dall’Unione Europea su tutto il territorio regionale. Saranno oltre un centinaio le professionalità che verranno formate grazie a “Formazione in situazione: lavoro domestico e di cura in famiglia”, progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (Fei) 2007-2013 e dal Ministero dell’Interno. A realizzare il percorso formativo quattro Cooperative sociali della regione, le Cooperative Lybra (beneficiario capofila) e La Quercia di Trieste, la Cooperativa sociale Itaca di Pordenone e la Cooperativa Codess Fvg di Udine. Ciascun corso formerà 15 assistenti familiari straniere (extra Unione Europea) attraverso lezioni in aula (25 ore) e a domicilio (15 ore). Ogni ciclo formativo affronterà gli aspetti professionali del servizio di presa in cura con lezioni su tecniche di assistenza, primo soccorso e sicurezza sul lavoro, psicologia della relazione con le persone non autosufficienti, psicologia del lavoro in famiglia. Ma fornirà anche competenze utili all’integrazione delle assistenti nella società ospitante attraverso moduli di lingua italiana applicata al lavoro di cura, normativa in materia di immigrazione e di lavoro, orientamento al sistema dei servizi territoriali socio-sanitari. Per coprire le assenze della lavoratrice durante le ore in aula, il datore di lavoro potrà usufruire del servizio di sostituzione da parte di personale qualificato della Cooperativa La Quercia. A rendere innovativo il progetto (uno dei 100 selezionati a livello nazionale su oltre 1000 proposte) è la formula “formazione in situazione” (couching on the job): per i moduli pratici, ogni assistente familiare sarà infatti affiancata da un operatore qualificato nel settore dell’assistenza (assistenti domiciliari, Oss, infermieri, psicologi), che offrirà consulenza sia sulla relazione con la famiglia sia sugli aspetti professionali del lavoro di cura. La formazione a domicilio durante l’orario di lavoro porterà con sé un duplice valore aggiunto, consentendo anzitutto di affrontare la frequente mancanza di preparazione professionale delle assistenti familiari – che spesso provengono da Paesi e occupazioni molto diversi dall’impiego attuale – senza pregiudicarne la presenza a casa della persona assistita. Usufruire del percorso formativo direttamente a casa della persona beneficiaria del servizio permetterà inoltre il coinvolgimento diretto della famiglia, attivando così un contesto di fiducia reciproca e garantendo non solo maggiore competenza ma anche la supervisione sul corretto svolgimento dell’attività di cura. Già sperimentato con successo sul territorio nazionale in Emilia Romagna, Lombardia e Sicilia, il progetto pilota “Formazione in situazione: lavoro domestico e di cura in famiglia” sarà a breve operativo grazie alle Cooperative sociali Lybra, La Quercia, Itaca e Codess Fvg. Per ulteriori informazioni: Maria Stropkovicova (responsabile del progetto) Tel. 328/9461802 Mail: maria.stropkovicova@cooperativalybra
CONTATTI
 TRIESTE
 Via San Francesco 4/1
 tel. 040 370 408 -fax. 040 348 A 3329
 mail:info@cooperativalybra.it


ARGOMENTI
acli badanti casa centro cognitiva colf comunitĂ  disabili doposcuola educativi formazione housing inclusione inserimento lavoro neuropsicologia qualitĂ  rete servizi social